The Brand Monitor

Il brand management, le sue evoluzioni

Il brand management, le sue evoluzioni

Il profumo al barbecue di Kentucky Fried Chicken è già sold out

Famosa in tutto il mondo per i suoi piatti a base di pollo fritto Kentucky Fried Chicken ha lanciato una novità sorprendente sul mercato britannico: il profumo “No 11 Eau de BBQ“. L’obbiettivo della nuova fragranza è stato quello di catturare l’essenza aromatica del barbecue, offrendo un’esperienza olfattiva unica che combina le tradizionali spezie usate per le ricette a marchio KFC.

profumo Kentucky Fried Chicken
©KFC
Il successo inaspettato del profumo di Kentucky Fried Chicken

L’iniziativa ha ottenuto un successo superiore alle attese. I flaconi in edizione limitata proposti al solo Regno Unito sono terminati in poco più di una settimana. Oltre alla probabile attitudine “feticista” di una fascia dei consumatori britannici, il motivo di  questo successo è stata anche la celebrazione degli odori tipici di quelle salse (in primis quella barbecue) e marinature che hanno fatto di KFC un colosso mondiale della ristorazione fast food.  

profumo Kentucky Fried Chicken
©KFC
La valorizzazione del brand

Con un design elegante che fa uso dei colori nero e rosso, simboli di KFC, l’estetica della bottiglia è stata pensata per riflettere l’identità del marchio. Il lancio del profumo ha coinciso con l’introduzione di un nuovo menu a base di salsa BBQ, destinato al target degli amanti del gusto affumicato. No 11 Eau de BBQ è stato venduto al prezzo di 11 sterline a flacone.

©KFC
Quando il fast food punta... sull'olfatto

Il nuovo profumo di Kentucky Fried Chicken non è la prima operazione di “marketing sensoriale” adottata dai big della ristorazione mondiale. Lo scorso Natale, in Spagna, la stessa catena americana aveva lanciato la limited edition di Eau D’Uardo, ispirato alla famosa ricetta di pollo fritto del Colonnello Sanders. Meno di due mesi fa, invece, è stato McDonald’s Giappone a introdurre la collezione di profumi alle fragranze di sale di susina e alga nori, aglio-pepe nero-maionese e McFries.

Clicca qui per scoprire altre case history sul food! 

Condividi

Stampa

Articoli correlati