The Brand Monitor

Il brand management, le sue evoluzioni

Il brand management, le sue evoluzioni

Co-branding di lusso tra Fornasetti e Poltrona Frau

Una collaborazione unica. Le immagini suggestive e oniriche di Piero Fornasetti si fondono con l’iconica Vanity Fair XC. E’ la prima volta che Fornasetti e Poltrona Frau , due marchi storici dell’arredamento italiano, danno vita a un co-branding di prestigio per creare questa edizione speciale di soli 50 pezzi di una delle più famose poltrone del design nazionale.

fornasetti poltrona frau
Il co-branding di Fornasetti e Poltrona Frau tra l'arte e il design

La nascita di un’opera d’arte Il design senza tempo della poltrona Vanity Fair XC, creato da Renzo Frau negli anni ’30, si incontra con i disegni surrealisti di Piero Fornasetti dagli anni ’50. Questi disegni, reinterpretati in chiave contemporanea dal figlio Barnaba Fornasetti, direttore artistico del brand, conferiscono alla poltrona un’eleganza e un fascino unici.

Prestigio e sostenibilità

L’ispirazione dietro la collaborazione. Nicola Coropulis, CEO di Poltrona Frau, sottolinea l’importanza di questa unione nel contesto dell’ “Imagine Collection 2024”, poiché entrambi i marchi condividono una visione di lifestyle sofisticato e di alta qualità. Per questa edizione limitata, Poltrona Frau utilizza una tecnica di stampa digitale simile alla serigrafia, consentendo di riprodurre con precisione gli intricati motivi di Fornasetti su la Pelle Frau® Impact Less, prodotta con un processo innovativo che riduce l’impatto ambientale, dimostrando l’impegno dei due marchi per la sostenibilità e l’innovazione.

Il lancio al Fuorisalone

La poltrona è stata  ufficialmente presentata al pubblico in anteprima presso il flagship store di Poltrona Frau a Milano, in occasione del Fuorisalone e ora può essere ordinata in un numero selezionato di questi negozi monomarca. Ogni poltrona è accompagnata da una pochette in pelle esclusiva, un certificato di autenticità firmato e un portachiavi in pelle Vanity Fair XC in edizione speciale.

Clicca qui per scoprire le altre case history di The Brand Monitor!

GALLERY

Condividi

Stampa

Articoli correlati