The Brand Monitor

Il brand management, le sue evoluzioni

Il brand management, le sue evoluzioni

Con Elon Musk Twitter rivoluziona il suo brand

Dall’uccellino blu alla X: a pochi mesi dall’acquisto di Twitter Elon Musk rivoluziona il famoso brand di San Francisco. Il miliardario sudafricano, diventato proprietario del brand lo scorso anno, ha infatti scelto di intervenire in modo significativo sull’estetica della piattaforma di microblogging, così da comunicare i grandi cambiamenti futuri, attesi in merito al suo utilizzo.

musk brand twitter
®X

Come Musk ha cambiato il brand Twitter?

Il miliardario ha scelto di sostituire il celebre uccellino blu con una X bianca, caratterizzata da una stanghetta raddoppiata, su sfondo nero . L’applicazione del nuovo brand di Twitter è stata prima prevista per la versione desktop del social network, per poi arrivare su quella mobile. Sono in molti a pensare che con la scelta di adottare questa lettera il miliardario sudafricano voglia richiamare alla mente la sua Space X , punto di riferimento nell’industria spaziale privata. Del resto non è un mistero che ami il simbolo X, che andrà a sostituire anche i “tweet” (mentre il nome commerciale della piattaforma è già divenuto X Corp).
musk brand twitter
®X

Dietro il cambio del marchio

L’intervento di Musk sul nuovo brand Twitter va molto oltre la questione estetica. La scelta attuata vuole anche simboleggiare la visione di quello che il social media dovrà diventare in futuro: una nuova super App, dotata di quella flessibilità di utilizzo già raggiunta dal competitor cinese WeChat. Quest’App, come ha spiegato la nuova CEO Linda Jaccarino , diventerà sempre più uno strumento “sempre più incentrato su audio, video e chat, ma anche pagamenti, e banking” così da diventare “un marketplace globale per idee, beni, servizi e opportunità”.

musk brand twitter
®X

Dubbi e polemiche fra gli osservatori

Il nuovo brand voluto da Musk per Twitter non ha ovviamente lasciato indifferenti gli osservatori del web. E non sono mancate perplessità, come quella espressa da Eliot Higgins , giornalista investigativo di Bellingcat , che osserva come il nuovo logo sia in pratica il carattere Unicode “𝕏” (U+1D54F) e quindi non possa essere registrato. Questa osservazione si somma una polemica più recente, che ha visto molti utenti web denunciare il sospetto rallentamento nel caricamento di quei link esterni che rimandano ai social rivali (Facebook e Instagram) o a alcune testate autorevoli come New York Times e Times.

Condividi

Stampa

Articoli correlati